Anno nuovo, vita nuova! Non c’è anno nuovo senza buoni propositi, ma quante volte è accaduto che questa lista naufragasse insieme ai nostri buoni propositi? E quante volte abbiamo dato la colpa al partner o alla famiglia o ad “altri”, per il nostro non essere riusciti a rispettare le priorità in lista? In questo articolo qualche suggerimento per fare sì che il 2017 sia l’anno in cui i buoni propositi verranno rispettati – tutti, senza alcuna esclusione.

La lista dei buoni propositi per l’anno nuovo? Dimenticati ancor prima dell’estate

A giugno almeno la metà di chi ha steso una lista di buoni propositi non ricorda neppure che cosa si era ripromesso e circa il 20% rifarà la lista identica l’anno seguente: fare più ginnastica, smettere di fumare, risparmiare, cambiare lavoro, fare più vacanze o migliorare la relazione con il partner.
In realtà tanti di questi propositi naufragano molto prima dell’estate. Una recente ricerca del Prof. Richard Wiseman dell’Università dell’Hertfordshire ha evidenziato che circa il 78% di coloro che hanno steso una lista dei buoni propositi la abbandona addirittura già dalla prima metà di gennaio.

Lista dei buoni propositi: scegli (pochi) obiettivi rilevanti per te

Talvolta siamo spinti a darci obiettivi che gli altri considerano rilevanti, ma che in realtà non lo sono per noi. Se scegliamo obiettivi che non sono “nostri” ma che derivano da quello che gli altri si aspettano da noi, è altamente probabile che alla minima difficoltà si abbandoni il proposito ritenendolo non di prioritaria importanza – come infatti è, dato che la nostra psiche lo interpreta come imposizione esterna e non come necessità. Prenditi una pausa e con calma rifletti su quanto è fondamentale per la tua serenità e il tuo benessere, senza vincolarti al giudizio esterno.
E scrivi una lista contenente due o tre obiettivi, non una enciclopedia di quello che potresti fare. Non serve!

Essere realistici per rispettare i buoni propositi

Un altro consiglio è quello di essere realistici. Porsi mete impossibili ha già in sé la possibilità che l’obiettivo naufraghi. Si rischia quella che la psicologa Jeanette Polivy dell’Università di Toronto ha definito “sindrome della falsa speranza”: ai propositi seguono fallimenti e nuovi sforzi, nella continua corsa verso un cambiamento del sé irrealizzabile perché non-realistico.
E ricorda: la realizzazione di quanto desideri deve dipendere da te e non da altri o da un avverarsi di eventi più o meno fortuiti, come ad esempio la vincita della lotteria

Lista dei buoni propositi: gli obiettivi ambiziosi sono raggiungibili a piccoli passi!

L’obiettivo ti sembra troppo ambizioso? Fissa degli step intermedi, più piccoli e più facilmente raggiungibili. In questo modo non si avrà l’impressione di dover scalare una montagna, l’ansia verrà allontanata e il rischio di sabotaggio ridotto.

Lista dei buoni propositi: determinazione e programmazione!

Per raggiungere gli obiettivi occorre essere precisi. Non basta dire “nel 2017 farò più sport”: bisogna vincolarsi con l’iscrizione in palestra, con giorni e orari definiti, scegliendo l’attività sportiva che più ti piace ( o pensi che possa piacerti) e che puoi permetterti di svolgere senza mettere a rischio la tua salute. Inutile pensare di iscriversi ad un corso di TRX se si hanno problemi alle articolazioni – sii realistico!

Vuoi scrivere un libro? Dedica un’ora al giorno/alla settimana o al mese alla realizzazione di questo progetto. Non aspettare che arrivi l’ispirazione ma trova il tempo per “chiudere fuori il mondo” e lasciare spazio all’ispirazione, secondo modi e tempi ben precisi.

E quando raggiungi un obiettivo (o uno step): festeggia!

Tenere un diario con i progressi, piccoli o grandi che siano, verso il raggiungimento degli obiettivi, premiandosi e festeggiando queste vittorie – anche quelle intermedie – serve per non fare diminuire la motivazione anche nei momenti di sconforto.

Ricordati che puoi sempre chiedere consiglio o farti aiutare

Meglio arrivare ad un risultato con l’aiuto del partner, parenti o amici o meglio perdere questa conquista personale se non la si raggiunge obbligatoriamente da soli?  Lasciamo la risposta a te e ricorda che questi consigli possono essere applicati anche ai “buoni propositi di coppia”: in caso di dubbio o perplessità, contattaci! 

“La follia è continuare a fare le stesse cose ed aspettarsi risultati differenti.”

A. Einstein.

Trovi questo articolo interessante? Condividilo su:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie Per saperne di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi