Risolvere o evitare la crisi è possibile grazie ad una buona comunicazione con il partner: in questo articolo le tre regole fondamentali della buona comunicazione di coppia.

La crisi di coppia è spesso originata da problemi legati ad una sbagliata o assente comunicazione: malintesi, incomprensioni, litigi, conflittualità possono degenerare in un allontanamento tra i partner.
Una delle lamentele più frequenti è quel “Non mi capisce…” da cui hanno origine tutti i problemi di comunicazione.

Le lunghe conversazioni, l’ascolto attento, e la complicità sembrano un ricordo lontano nella relazione, e sono stati sostituiti dall’apatia, dalle critiche, dall’atteggiamento sempre sulla difensiva o offensivo. Fino ad arrivare al mutismo.

Nella fase dell’innamoramento il partner è idealizzato, la comunicazione appare non necessaria

Nella fase iniziale di una relazione, quella più idealista, formiamo le nostre aspettative e fantasie sull’altro, arrivando ad accettare anche ciò che non ci piace del partner. Superata questa fase, però, appaiono i primi conflitti e dei comportamenti spesso insensati. Ogni rapporto di coppia sano deve invece basarsi su una comunicazione efficace ed effettiva fin dai suoi esordi.

Regola uno: per una buona comunicazione di coppia occorre comprendere ed esprimere bisogni ed emozioni

Una comunicazione efficace deve avere due elementi fondamentali: la comprensione degli stati emotivi e dei bisogni dell’altro e l’espressione delle proprie emozioni.
Esprimere i propri bisogni significa riuscire ad esprimere al nostro partner le nostre esigenze personali e di coppia, in modo che l’altro possa comprenderle: non è sufficiente che le parole escano dalla nostra bocca, occorre accertarsi che il messaggio arrivi chiaro al nostro partner e che sia compreso sia a livello verbale che non verbale, attraverso per esempio gesti e comportamenti che non lascino spazio ad equivoci.

Regola due: per una buona comunicazione di coppia, l’ascolto attivo è fondamentale

Il partner vorrebbe soltanto essere ascoltato, senza pregiudizi e senza filtri, perché sente il bisogno di essere compreso. Magari sa già come risolvere il problema, ma ricerca nel partner una conferma dei suoi sentimenti.
I filtri sono quei blocchi mentali che intralciano la nostra accettazione sincera delle esigenze del nostro partner, senza cercare anche di presumere ciò che lui pensa, ma ascoltando attivamente.
Da qui l’evitare frasi come: “So che cosa stai pensando!” “Ti conosco bene!”. Anche quando l’altro non ha aperto bocca, crediamo di poter indovinare i suoi pensieri e comportamenti.
Rispondere con un: “Vedi, la soluzione è semplice! Non era poi così importante” crea frustrazione nel partner, togliendo spazio all’ascolto.

Regola tre per una buona comunicazione di coppia: mantenere spazi condivisi e interesse reciproco

E’ fondamentale cercare di mantenere sempre viva un’attenzione costante alla salute del nostro rapporto di coppia. Questo è possibile se manteniamo degli spazi condivisi  che possano favorire la complicità con il partner e aumentare la fiducia reciproca. Una fiducia in cui il partner si sente accolto e quindi più disposto a comunicare, ad aprirsi all’altro, attraverso un vero interesse reciproco, tale da poter creare i presupposti per una comunicazione che sia efficace ed effettiva.

Se pensi che questo articolo possa essere d’aiuto a qualche amico o amica in crisi, condividilo!

Siamo a tua disposizione per chiarimenti in merito a questo articolo o per un primo consulto gratuito: contattaci subito via email info@cmnitaly.it 

Trovi questo articolo interessante? Condividilo su:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie Per saperne di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi