La mediazione, introdotta con il D.Lgs 4 marzo 2010 n. 28, è un sistema di risoluzione delle controversie alternativo al processo civile

Viene definita come “l’attività svolta da un terzo imparziale, finalizzata ad aiutare due o più soggetti nella ricerca di un accordo amichevole. Le ricerche svolte nel mondo anglosassone mostrano che l’80% delle controversie che vengono portate in mediazione si risolvono con un accordo soddisfacente per le parti

Certamente, affinché il procedimento di mediazione riesca, è necessario che gli avvocati che assistono le parti abbiano padronanza delle tecniche di negoziazione, diversamente la strada dell’accordo è alquanto impervia. Per comprendere il ruolo del mediatore racconterò una storiella davvero interessante.

Si narra che nel lontano Oriente uno sceicco avesse lasciato in eredità ai suoi tre figli 17 cammelli con la raccomandazione di non uccidere alcun animale nella spartizione. Secondo la legge del tempo, al figlio primogenito spettava la metà dell’eredità, mentre al secondo e al terzo figlio spettavano rispettivamente un terzo ed un nono. I figli, che erano sempre andati d’amore e d’accordo, iniziarono a litigare vedendo che i cammelli non erano divisibili.

Non sapendo come risolvere la disputa si rivolsero al saggio del villaggio il quale, dopo aver ascoltato attentamente i loro racconti ed aver compreso il problema, disse ai figli dello sceicco che avrebbe messo a disposizione il suo cammello e li avrebbe aiutati nella spartizione. E difatti cominciò a dividere i 18 cammelli per 2 e così consegnò al primo figlio 9 cammelli. Divise poi i 18 cammelli per 3, in modo da dare al secondo figlio 6 cammelli, ed infine divise i 18 cammelli per nove dando al terzo figlio 2 cammelli. Dunque, dopo aver dato al primo figlio 9 cammelli, al secondo figlio 6 cammelli ed al terzo figlio 2 cammelli (9+6+2=17) riprese il suo cammello e tornò alle sue faccende.

Questa storia rende chiara l’idea di come il mediatore, aiutando le parti ad osservare la realtà da punti di vista differenti, le conduca alla soluzione della controversia con soddisfazione ed in tempi rapidi.

Trovi questo articolo interessante? Condividilo su:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie Per saperne di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi